Skip to content

Orari Studio Lun – Ven, 10.00 – 18.00

Menu

10 + consigli per ottimizzare le tue campagne Google Ads

Meno di 1 Minuto Tempo di Lettura: Minuti

Vuoi migliorare la comunicazione online della tua Azienda?

Compila il form qui sotto e ottieni una CONSULENZA GRATUITA di 30 minuti con il nostro esperto.

Scopri come possiamo aiutarti, affidati a dei professionisti del Marketing!

La domanda è… Come scrivere annunci efficaci per Google ADS?

  • Metti in evidenza i pregi e la USP (Unique Selling Proposition), ovvero una caratteristica, una proprietà che i tuoi concorrenti non hanno. ATTENZIONE: NON deve essere il prezzo!
  • Mettiti nei panni dell’utente che sta facendo la ricerca e scrivi un annuncio che risponda al suo bisogno specifico.
  • Prevedi ed elimina eventuali dubbi degli utenti: scrivi un annuncio che risponda ad eventuali domande e dubbi degli utenti, senza dargli tempo di farle. Scrivi come possono raggiungere i loro obbiettivi grazie al tuo servizio, senza particolari sforzi o difficoltà; o come eliminare un problema senza dover fare qualcosa che odiano, in un determinato periodo di tempo.
  • Aggiungi elementi di trust: inserisci nel tuo annuncio elementi che diano credibilità e che convincano l’utente a fidarsi. Mettiti nei panni dell’utente, anche tu faresti difficoltà a credere ad un’azienda che non conosci, cosa ti aiuterebbe ad essere meno scettico? La riprova sociale, il numero di clienti soddisfatti, le statistiche, le percentuali di successo nel risolvere un problema, le recensioni dei clienti, le garanzie…
  • Crea un senso di urgenza: la psicologia è importante in questi casi, devi creare un senso di urgenza, devi far in modo che chi legge l’annuncio abbia paura di perdersi la tua offerta. Inserisci la data di fine di una promozione o di un’offerta, il numero di prodotti rimasti. Alcuni esempi: Solo 20 pezzi rimasti; solo 3 appuntamenti disponibili; il 20% di sconto se chiami oggi; Offerte di fine anno, chiama entro il 31/12.
  • Includi domande: usa un tono colloquiale per avvicinarti al tuo cliente, iniziando con una domanda gli fai capire che sai già quello di cui ha bisogno e che tu hai la soluzione, hai quello che gli serve, è come se iniziassi una conversazione con lui.
  • Sii coerente: è fondamentale che ci sia coerenza tra annuncio e landing page. Se nell’annuncio scrivi che la consulenza è gratuita, l’utente non può entrare sul tuo sito e scoprire che deve pagarla (magari poco, ma deve pagarla); se scrivi che la spedizione dei tuoi prodotti è gratuita, deve essere veramente gratuita, non puoi scrivere nella landing page che è gratuita “solo per gli ordini superiori a 25€” per esempio. La mancata coerenza è una delle principali cause di abbandono delle pagine web dopo aver cliccato sull’annuncio.
  • Fai un analisi dei competitor: l’analisi di mercato va fatta, a prescindere dalle Google ADS. Devi conoscere i tuoi competitor, cosa offrono, le loro strategie, i loro punti di forza e debolezza per poterli sfruttare a tuo favore. In questo modo puoi trovare gli elementi che ti rendono unico e ti differenziano dagli altri, su cui puntare per far sì che gli utenti siano convinti a scegliere te e cliccare proprio sul tuo annuncio.
  • Utilizza CTA (call-to-action) : invita l’utente a compiere l’azione per cui è stato scritto l’annuncio, combina la CTA con le offerte, promozioni e con il senso di urgenza di cui abbiamo parlato prima. Vediamo alcuni esempi: 20% di sconto se chiami entro il 14/01; solo per questo mese la spedizione è gratuita; Solo 10 pezzi rimasti, chiama subito; iscriviti oggi e riceverai una consulenza gratuita.
  • Parole chiave: Inserisci almeno una parola chiave nell’annuncio. Nella configurazione della campagna dovrai scegliere delle parole chiave che descrivono i tuoi servizi o prodotti che vengono utilizzate per mostrare i tuoi annunci a utenti che stanno cercando i tuoi servizi, è in base a queste che Google sceglie quando pubblicare i tuoi annunci in base ai termini di ricerca utilizzati dagli utenti nelle loro ricerche, per questo vanno scelte accuratamente, devono essere di qualità e specifiche per raggiungere gli utenti più interessati che hanno più probabilità di diventare clienti. La scelta delle parole chiave è un passaggio fondamentale e influisce sul rendimento dei tuoi annunci e sulla spesa, scegliere parole chiave troppo banali o scadenti, significa spendere di più e far posizionare il tuo annuncio più in basso. Ad esempio se vendi scarpe, non scegliere “scarpe da ginnastica” come parola chiave, sicuramente il tuo annuncio non si posizionerà in alto, dove invece si troverà un annuncio della Nike che ha un budget più elevato, per esempio. Una volta scelta la lista delle parole chiave, almeno una di queste dovrà essere presente nel testo dell’annuncio, in modo da renderlo più pertinente per una ricerca.
  • Scrivi più di un annuncio, Google sceglierà il migliore e il più pertinente da pubblicare in base alla ricerca fatta dall’utente. Durante la configurazione della campagna intelligente, hai la possibilità di scrivere più annunci diversi, quindi di aumentare il rendimento della tua campagna senza bisogno di aumentare il budget, ti consigliamo di scriverne almeno 3, provando diversi copy. 

Oltre l’annuncio

L’annuncio è una parte fondamentale delle campagne Google ADS, è la prima cosa che l’utente che sta cercando i tuoi servizi o prodotti vede di te ed è un annuncio tra tanti, per far sì che scelgano di cliccare proprio sul tuo, è importante che esso sia di qualità. Seguendo i consigli scritti sopra, il tuo annuncio avrà ottime probabilità di essere pubblicato, apparire tra i primi risultati e convincere i tuoi potenziali clienti a fare clic e scoprire di più su ciò che offri

Oltre l’annuncio però, per ottimizzare al meglio le tue campagne, è necessario tenere sotto controllo il budget e cercare di rimanere sempre nella media del tuo settore; controllare i termini di ricerca con cui vieni trovato, eliminando eventualmente quelli non pertinenti alla tua attività: se hai un’azienda che opera su Roma per esempio, potrebbe capitare che il tuo annuncio venga visualizzato da un utente che cerca un tuo servizio ma in un’altra città, basterà eliminare il termine di ricerca, in modo da evitare di sprecare budget inutilmente; avere una Landing Page efficace.

Insomma, non basta lanciare una campagna e lasciarla lì, è fondamentale monitorarla costantemente per correggere e ottimizzare i vari aspetti.

Tutte queste accortezze ti porteranno al raggiungimento di un ottimo CTR!

Ma cos’è il CTR?

Il CTR è la percentuale di clic che i tuoi annunci hanno ricevuto rispetto al numero di volte in cui sono stati visualizzati (impression). Per esempio, se 100 persone hanno visualizzato i tuoi annunci durante le loro ricerche e 6 hanno cliccato, allora il CTR sarà il 6%.

Un CTR elevato è un buon indicatore del fatto che gli utenti trovano annunci e inserzioni utili e pertinenti. 

Monitorare l’andamento del CTR della tua campagna è utile anche per capire se i testi degli annunci sono abbastanza interessanti e convincenti: se il CTR è basso, significa che molte persone non hanno trovato abbastanza interessanti i tuoi annunci da cliccarci e scoprire di più, ma hanno scelto di cliccare su annunci più pertinenti.

Non c’è da preoccuparsi, se sei all’inizio è normale che sia così, per raggiungere un buon CTR è fondamentale non arrendersi e continuare a lavorarci su, impegnarsi e cercare di migliorare sempre per scoprire la giusta tecnica da utilizzare. Sperimenta nuovi copy negli annunci, nuove CTA, prova con parole chiave più specifiche, è importante conoscere il tuo pubblico, l’età, per capire quali sono i suoi bisogni, le sue abitudini, i suoi sogni e desideri ma anche le sue paure e dubbi per poter studiare una campagna che risponda proprio alle sue esigenze, alle sue domande ancor prima che le faccia. Gli utenti che leggono i tuoi annunci devono avere la percezione che stai parlando direttamente con loro, che sai già ciò di cui hanno bisogno e che hai la soluzione ai loro problemi. In questo modo, raggiungerai utenti che hanno più probabilità di diventare clienti e che sono quindi interessati a ciò che offri, aumenta quindi la probabilità che non leggono solo l’annuncio ma che clicchino anche e così avrai il massimo CTR possibile!